Riparata la “risonanza” al San Giovanni di Dio, riprende l’attività di diagnostica

CROTONE – Sono state effettuate le riparazioni del macchinario della risonanza magnetica nucleare, apparecchio che aveva smesso di funzionare la scorsa settimana. Pertanto, nella giornata di oggi, venerdì 24 maggio, riprendono regolarmente le attività di diagnostica programmate. Lo comunica, in una nota dell’Azienda sanitaria provinciale di Crotone, il direttore medico del presidio ospedaliero di Crotone, dottor Lucio Cosentino, che, a nome della stessa Direzione medica dell’ospedale “San Giovanni di Dio”, “si scusa – è detto ancora nella nota – per l’interruzione del servizio e per il disagio arrecato all’utenza”.

L’articolo Riparata la “risonanza” al San Giovanni di Dio, riprende l’attività di diagnostica proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

‘Bimbi insegnanti in campo’, spettacolo al Palakrò per la giornata finale del progetto

Si è svolta giovedì 24 maggio la manifestazione finale del progetto motorio ‘Bimbi insegnati in campo…competenti si diventa’, rivolto alla scuola dell’infanzia che ha coinvolto 11 scuole di Crotone e provincia con la partecipazione di circa 400 bambini alla presenza dei genitori felici di assistere all’esibizione dei propri figli. Un percorso lungo un anno, nato dall’idea dell’Ufficio Scolastico regionale, e che è allargato anche a livello nazionale visto che altre 10 regioni hanno aderito all’iniziativa. E’ stata la seconda manifestazione a livello provinciale dopo quella del 18 maggio svolta a Cirò Marina. Palakrò gremito in ogni ordine di posto, per un evento di carattere ‘comunitario’ come lo ha definito Santino Mariano, coordinatore dell’ufficio scolastico provinciale, dato che ha coinvolto simultaneamente ragazzi, insegnanti, dirigenti, istituzioni e genitori. “L’Attività motoria è fondamentale per lo sviluppo di un corretto stile di vita e del raggiungimento del benessere psico-fisico”. Il progetto ha trovato il pieno sostegno delle scuole, grazie anche al lavoro dello staff delle insegnanti di educazione motoria della scuola dell’infanzia, le quali hanno suddiviso il lavoro in quattro fasi: adesione, formazione, preparazione e manifestazione finale.

Questo progetto rappresenta un nuovo modo di “fare scuola”, un efficace strumento in cui l’attività ludico-motoria diventa anche valida opportunità di buone pratiche di inclusione. Vederli in azione, con la loro vitalità e il loro travolgente entusiasmo, riempie il cuore di gioia rendendo questa giornata straordinariamente magica, un giorno di festa in comune in cui si celebra il movimento. Fantastico è ammirarli nel momento in cui ricevono la tanto attesa e meritata medaglia come riconoscimento ufficiale di bravi campioni, felici di conquistarla per se stessi e soprattutto per regalare un attimo di orgoglio ai rispettivi genitori. Proprio per dare maggiore eco a tutto ciò, sarebbe auspicabile trasportare quest’onda emotiva che coinvolge tutti, in altri contesti e strutture per far conoscere ad una platea più vasta la valenza formativa del progetto e mettere in risalto la qualità, l’eccellenza, la buona scuola della nostra realtà.” Canti, balli, musica, attività motoria. E’ stata una mattinata di gioia, allegria e partecipazione per tutti i ragazzi presenti.

L’articolo ‘Bimbi insegnanti in campo’, spettacolo al Palakrò per la giornata finale del progetto proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Armi e droga, deve scontare una pena di 4 anni e mezzo

Deve scontare 4 anni e 5 mesi di reclusione che gli sono stati inflitti dal Tribunale di Crotone per detenzione abusiva di armi, ricettazione, detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio e porto di arma clandestina, reati commessi nel 2015. Per questo un crotonese di 48 anni è stato arrestato dai carabinieri della stazione di Crotone che hanno eseguito un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato tradotto presso la casa circondariale di Crotone.

I carabinieri della stazione di Crotone, inoltre, hanno arrestato un 34enne del luogo che deve scontare 1 anno e 6 mesi di reclusione per il reato di truffa continuata commessa a Macerata ed altre zone del territorio nazionale tra il 2011 ed il 2015. I carabinieri della stazione di Cirò Marina, invece, hanno denunciato a piede libero un 18enne e un 40enne che a bordo dell’autovettura sulla quale viaggiavano trasportavano un bastone estensibile lungo 46 centimetri e due coltelli lunghi 16 e 19 centimetri.

L’articolo Armi e droga, deve scontare una pena di 4 anni e mezzo proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Serie B, Crotone ‘work in progress’ per la nuova stagione: il futuro è già adesso

Le sobrie celebrazioni per essersi garantita la partecipazione al 14° campionato di serie B della storia del Crotone sono già esaurite da tempo. La stagione appena archiviata è stata logorante nel suo sviluppo, ed anche in virtù di qualche intoppo accusato, la proprietà rossoblù non vuole farsi trovata impreparata al prossimo start.
E su una cosa il club ha fatto chiarezza: niente diffusioni roboanti, niente divulgazioni bellicose. Ma la consueta ambizione condita, però, da quel basso profilo che ha da sempre rappresentano l’anima vincente del club. Perchè la serie A vissuta per due tornei rimane il grande progetto di Gianni Vrenna, ma attraverso un percorso oculato e ragionato. Senza alimentare pressioni e attese eccessive. Il lavoro cha attende la proprietà e gli operatori di mercato sarà piuttosto intenso, e spazierà su disparati fronti: acquisti, cessioni, prestiti. Partendo da una prima inoppugnabile certezza: la conferma di Giovanni Stroppa. Il secondo semestre di campionato ha restituito le certezze che il club aveva sul suo conto lo scorso luglio. Superato l’impasse dei primi mesi, il Crotone e Stroppa si sono ‘capiti’, e adesso viaggiano con visioni e progetti univoci. Che portano nella stessa direzione.

INSERITO il primo tassello nel puzzle colorato di rossoblù, la società ha provveduto immediatamente a prenotare l’altro. Che si chiama Nwankwo Simy, il pezzo pregiato dell’argenteria rossoblù fresco di rinnovo fino al 2022. Una mossa opportuna, intanto, per evitare che il nigeriano potesse liberarsi a costo zero il prossimo mese. Ma il progetto guarda più in alto, e comprende la conferma del giocatore nel roster della prossima stagione. Una volontà sottolineata dallo stesso attaccante, seppure le vie del mercato risultano sempre infinite e indefinite. E siccome sulle tracce del ‘lungo’ ci sarebbero almeno un paio di squadre di serie A, sarà bene non dare nulla per scontato. Le intenzioni della società sono però chiare: mantenere buona parte dell’impianto in essere: il Crotone è custode di una sostanziosa percentuale di giocatori di proprietà, i quali rientrano tutti nei programmi della prossima stagione: Cordaz, Spolli (per il quale è scattato il rinnovo automatico con la salvezza), Benalì, Barberis, e Simy, appunto. Ma nella scuderia rossoblù ci sono anche Golemic, Zanellato, Molina. Oltre allo sfortunato Nalini. Insomma, un materiale umano che coniuga qualità ed esperienza. Naturalmente potrebbero anche subentrare delle novità, visto che non è solo Simy al centro del mercato. Lo stesso Benalì, protagonista di una parte finale di stagione da applausi, ha diversi estimatori che potrebbero bussare alla porta.

SCADENZE Nell’elenco figurano due senatori: Rohden e Sampirisi. Per entrambi i rumors danno poche percentuali di possibilità di rinnovo, anche se la società sta provando a lavorare con entrambi gli entourage per valutare eventuali margini di trattative per continuare insieme il rapporto.

PRESTITI Il Crotone ha restituito alle rispettive proprietarie Mraz, Machach, Pettinari, Valietti, Tripaldelli, Marchizza, Curado e Vaisanen. Ma per questi ultimi due si farà un tentativo per ottenere un rinnovo che sarebbe particolarmente gradito a Stroppa.

PRESTITI Il Crotone riavrà a casa Crociata, reduce dall’esperienza al Carpi, Borello, di ritorno dal Cuneo, ma soprattutto Ante Budimir, il quale ha trascorso i primi mesi del 2019 in Spagna con la maglia del Maiorca. Nell’elenco ci sono anche Messias, Evans e Petri, prelevati lo scorso mese di gennaio e lasciati in prestito al Gozzano.

L’articolo Serie B, Crotone ‘work in progress’ per la nuova stagione: il futuro è già adesso proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Sanità, ecco i nomi dei commissari di Asp e aziende ospedaliere

Questa mattina il commissario per il rientro del debito sanitario della Calabria, Cotticelli, accompagnato dal sub commissario Schael, si è recato all’ufficio protocollo della Regione Calabria per notificare l’elenco dei manager che saranno nominati commissari alla guida delle Asp e delle Aziende ospedaliere calabresi. Su quei nomi dovrebbe esprimere il suo parere il governatore Mario Oliverio, secondo quanto previsto dal Decreto Calabria varato dal governo. Oliverio tuttavia ha già fatto sapere che non esprimerà alcun parere.

“Oggi per coprire una spregiudicata operazione di potere – ha spiegato in una nota – si chiede un parere trasmettendo un elenco di nomi (d’altronde questo è il senso della trasmissione di un elenco di nomi e non già la ricerca di una intesa) sui quali maldestramente si pensa di camuffare un coinvolgimento della Regione. Il Governo ed il Ministro Grillo si sono assunti la responsabilità di estromettere la Regione con un atto incostituzionale”.

L’elenco dei nominativi della Struttura Commissariale comprende sette nominativi di cui uno solo è calabrese. Si tratta di Gianluigi Scaffidi, 68 anni, che andrà a guidare l’Asp di Vibo Valentia. L’Asp di Cosenza avrà come commissario Antonino Candela, palermitano di 54 anni, mentre per l’Azienda Ospedaliera di Cosenza è stata indicata Giuseppina Panizzoli di Bergamo, 53 anni.L’Asp di Catanzaro sarà affidata a Renzo Alessi, padovano di 64 anni. Per l’Asp di Crotone è previsto l’ingresso come commissario di Gilberto Gentili, 61 anni di Pesaro. Per la gestione dell’Asp di Reggio è in arrivo il tarantino Massimo Annicchiarico, 61 anni. L’altra donna in elenco è la romana Isabella Mastrobuono che guiderà l’azienda ospedaliera universitaria Mater Domini di Catanzaro.

“Nell’elenco – conclude Oliverio – c’è la conferma di quanto ho denunciato davanti alla Commissione della Camera dei deputati sulla mortificazione delle professionalità calabresi (sono tutti, tranne uno, esterni alla nostra regione) e l’aumento, a giustificazione di tale operazione, di 50 mila euro al mese di indennità più 20 mila euro di spese per le missioni”.

L’articolo Sanità, ecco i nomi dei commissari di Asp e aziende ospedaliere proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Nuovo stadio, il Comune alla ricerca di un’area e di partner privati

E’ stato avviato ufficialmente l’iter per la costruzione del nuovo stadio di calcio. Dalla scrivania dell’ufficio del dirigente dell’Urbanistica è partita questa mattina la determina che dà il via libera alla pubblicazione dell’avviso per trovare un’area idonea ed eventuali partner interessati all’operazione. Si tratta, per il momento, di una semplice indagine esplorativa di mercato, alla ricerca della soluzione migliore per dotare Crotone di uno stadio moderno e funzionale, partendo da un’area minima di cinquantamila metri quadrati.

L’Amministrazione comunale si muove su due strade: l’acquisto di un terreno da acquisire al patrimonio comunale indisponibile, la ricerca di un partner privato per la realizzazione della struttura con la formula del project finance, intesa come progettazione definitiva ed esecutiva, costruzione e gestione fino ad un massimo di novant’anni. Gli avvisi, infatti, sono due: uno per l’area, l’altro per il project financing.

L’articolo Nuovo stadio, il Comune alla ricerca di un’area e di partner privati proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Serie B, altro colpo di scena: il Tar del Lazio sospende annullamento playout

Un altro colpo di scena. L’ennesimo di un nuovo pasticcio che vede protagonista la serie B: il Tar del Lazio ha infatti deciso di sospendere la Delibera del 13 maggio scorso, nella quale il Consiglio Direttivo della Lega B aveva annullato i playout. A questo punto il Foggia torna a sperare, ma tutto dipenderà da cosa deciderà la Corte Federale d’Appello in merito alla retrocessione in serie C del Palermo decisa in primo grado dal Tribunale Federale. La società rosanero, infatti, confida in una robusta penalizzazione che non produrrebbe effetti sulla graduatoria in chiave playoff. I siciliani resterebbero fuori dagli spareggi promozione ma conserverebbero la categoria, mandando Salernitana e Venezia al playout. Se invece dovesse essere confermata la retrocessione, sarebbero Foggia e Salernitana a giocarsi lo spareggio per la permanenza tra i Cadetti.

L’articolo Serie B, altro colpo di scena: il Tar del Lazio sospende annullamento playout proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Pallavolo, playoff serie C: Crotone vince gara 2 col Torretta: la B2 si decide alla ‘bella’

Sarà gara 3 a determinare l’esito del confronto tra Volley Torretta e Pallavolo Crotone valido per la promozione in serie B2.
Sul rettangolo di gioco del Palakrò parte meglio la Gerardo Sacco che si aggiudica il primo set in maniera piuttosto agevole.
Seconda e terza frazione equilibrate, nella quarta diventa determinante il turno di servizio di Malena che manda in tilt la ricezione locale.
Quinto parziale giocato punto a punto fino al muro vincente di Sposato viziato da un’invasione a rete rilevata dal secondo arbitro: la reazione di dissenso manifestata dal centrale giallorosso, durante la partita oggetto continuo di provocazioni da parte dei tifosi rossoblu, viene sanzionata con il cartellino rosso che, di fatto, chiude la contesa.
Ora sentenza definitiva affidata al Palapicasso, bisognerà preparare la partita nei dettagli partendo dall’esperienza acquisita, appuntamento a Domenica ore 18.00.

Gerardo Sacco Crotone – Volley Torretta 3-2 (25-15/25-27/25-23/22-25/15-8)

PALLAVOLO CROTONE : Pioli (cap.), Boscacci, Bareti, Gambuzza, Cosentino, Cesario, Ranieri A., Ranieri G., Araldo, L1 Vasapollo L2 De Rose Allenatore: Asteriti Pietro
VOLLEY TORRETTA: Malena (cap.), Sergi, Da Silva, Sposato, Cilione, Sgherza, Lettieri, Libero Stasi Allenatore: Scandurra Luca
ARBITRI: Crucitti Mirko e Scarfò Fabio

L’articolo Pallavolo, playoff serie C: Crotone vince gara 2 col Torretta: la B2 si decide alla ‘bella’ proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Decreto sanità: sospesa a Crotone la continuità assistenziale pediatrica

CROTONE – Se da una parte il decreto Calabria permette l’acquisto di una nuova risonanza magnetica, dall’altro prevede “un rigoroso sistema di controllo e contenimento preventivo della spesa aziendale temporalmente limitato fino alla nomina del nuovo Commissario straordinario”. Proprio in base a questi paletti l’Asp di Crotone ha dovuto sospendere, temporaneamente, il servizio di Continuità Assistenziale Pediatrica, attivato nel maggio 2018 con durata di 12 mesi.

Si tratta del servizio che permetteva alle famiglie con bimbi in età pediatrica di avere l’assistenza anche nel week end. Un servizio che ha avuto un grande riscontro. La sospensione è stata annunciata dalla stessa azienda sanitaria che però annuncia di avere “in itinere l’attivazione delle Unità complesse cure primarie, struttura di assistenza multi professionale, dove è prevista l’erogazione di prestazioni sanitarie che coinvolgeranno, oltre ai medici di medicina generale, anche i pediatri di libera scelta”. Si informa inoltre che il management aziendale, entrati in carica gli organi gestionali di vertice, ha in programma la reiterazione del progetto giacché – come dimostrano le proficue attività svolte – si è rilevata la grande utilità dello stesso.

Sulla vicenda la Commissione Pari Opportunità del Comune di Crotone si è detta rammaricata per la decisione dell’Asp: “I genitori, nei week-end – scrive la presidente della Commissione, Maria Ruggiero – hanno potuto contare sulla professionalità e la disponibilità dei pediatri di famiglia, riducendo drasticamente quelle “corse” in ospedale che ogni mamma conosce bene. Ci auguriamo dunque che come accadde nel 2018, anche in quest’anno si possa trovare il modo di proseguire questa attività. Invitiamo chi di competenza, dunque, ad andare incontro alle necessità dei genitori e dei piccoli pazienti. La Commissione si impegnerà a fornire tutto il supporto possibile”.

L’articolo Decreto sanità: sospesa a Crotone la continuità assistenziale pediatrica proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Continuità assistenziale pediatrica, Ruggiero: servizio essenziale

“La commissione Pari opportunità del Comune di Crotone apprende con rammarico, la comunicazione da parte dell’Azienda sanitaria provinciale, dell’imminente sospensione del servizio di continuità assistenziale pediatrica.
Un servizio – si legge in una nota a firma della presidente Maria Ruggiero – che sin dalla sua attivazione ha trovato riscontro sul territorio. I genitori, nei week-end, hanno potuto contare sulla professionalità e la disponibilità dei pediatri di famiglia, riducendo drasticamente quelle ‘corse’ in ospedale che ogni mamma conosce bene”.

La commissione si augura “che, come accadde nel 2018, anche in quest’anno si possa trovare il modo di proseguire questa attività”. Nel frattempo invita “chi di competenza ad andare incontro alle necessità dei genitori e dei piccoli pazienti”, garantendo che da parte sua “si impegnerà a fornire tutto il supporto possibile”.

L’articolo Continuità assistenziale pediatrica, Ruggiero: servizio essenziale proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___