Pubblicato il

Maltempo sul crotonese, Lezzi: troveremo una soluzione. Il Pd se l’augura

L’esclusione dallo “stato d’emergenza sarebbe dannoso” dice il ministro Lezzi a proposito del mancato riconoscimento dei danni subiti dalla città il 20 e 25 novembre dello scorso anno quando due violenti tornado si ...

L’esclusione dallo “stato d’emergenza sarebbe dannoso” dice il ministro Lezzi a proposito del mancato riconoscimento dei danni subiti dalla città il 20 e 25 novembre dello scorso anno quando due violenti tornado si ...

L’esclusione dallo “stato d’emergenza sarebbe dannoso” dice il ministro Lezzi a proposito del mancato riconoscimento dei danni subiti dalla città il 20 e 25 novembre dello scorso anno quando due violenti tornado si sono abbattuti su Crotone seminando il panico e devastando il territorio. In particolare nell’area industriale dove i danni ammontano a circa 12 milioni di euro, tra strutture sventrate, macchinari distrutti e prodotti finiti irrimediabilmente danneggiati. “Tale esclusione finirebbe con il danneggiare ulteriormente quei coraggiosi imprenditori che, malgrado gli eventi avversi, non si sono arresi e hanno compiuto l’encomiabile scelta di rimboccarsi le maniche per non chiudere battenti e licenziare il loro personale” aggiunge la responsabile del dicastero per il Sud del governo Conte. “L’obiettivo è quello di trovare una soluzione rispetto a un caso che ho potuto toccare con mano in occasione della mia visita a Crotone. Della situazione – aggiunge la Lezzi, che ieri sera si è impegnata a contattare nella mattina di oggi la Protezione civile – vengo informata anche tramite la collega calabrese Elisabetta Barbuto”.

Galea

Nel frattempo sul fronte politico opposto monta la protesta. “Pur con due parlamentari di un movimento politico che fa parte dell’attuale compagine governativa del Paese, la nostra città non è riuscita ad ottenere quanto, a pochi giorni dell’accaduto, era stato promesso” commenta il consigliere comunale del Pd Mario Galea. “Eppure, all’indomani del devastante evento, il ministro Barbara Lezzi aveva solennemente promesso agli imprenditori tutt’altro comportamento da parte del Governo, garantendo agli stessi un sostegno per consentire loro di poter proseguire tranquillamente la propria attività. Ma la verità è che, come dimostrano i fatti di questi nove mesi, il Governo gialloverde è bravo solo a contraddire di continuo le sue promesse”. “L’auspicio più sentito è che i cittadini prendano coscienza della scarsa credibilità dei rappresentanti dell’attuale Governo, tanto arroganti e presuntuosi, quanto incompetenti e istituzionalmente inefficienti” conclude il consigliere comunale.

Contarino

Sempre dal Partito democratico torna a farsi sentire la voce di Sergio Contarino, scomparso da diversi anni dalla scena politica in concomitanza con l’uscita di scena dalla vita amministrativa crotonese di Peppino Vallone. “Un provvedimento assurdo” dice l’ex assessorale comunale all’urbanistica. “Le aziende crotonesi non saranno ristorate dei danni perché sono state eccessivamente brave per avere ripristinato i luoghi devastati dal tornado, risultando operative troppo velocemente”. Siamo “fiduciosi che il Governo possa ancora rivedere il provvedimento adottato e che le imprese locali possano realmente essere aiutate, in modo da evitare che, oltre al danno, subiscano anche la beffa” aggiunge Contarino che invita “i parlamentari 5 Stelle eletti nel crotonese a intervenire sui ministeri interessati, facendo sentire il loro peso politico a difesa e delle attività produttive interessate dall’evento calamitoso”.

L’articolo Maltempo sul crotonese, Lezzi: troveremo una soluzione. Il Pd se l’augura proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *