Migranti ‘Diciotti’, vescovo Cassano: pagina triste, vengano qui

CASSANO ALLO IONIO (COSENZA) – La Diocesi di Cassano allo Ionio dà la sua disponibilità alla Cei ad accogliere alcuni immigrati sbarcati dalla Diciotti. Ad annunciarlo è il vescovo di Cassano, monsignor Francesco Savino.

“Ho dato alla Cei – afferma il presule all’Ansa – la disponibilità ad accogliere alcuni immigrati sbarcati dalla nave Diciotti. Nelle prossime ore sapremo quanti saranno. Anch’io ritengo che su quella nave si sia consumata una delle pagine più tristi della storia del nostro tempo. Ci troviamo di fronte ad una vera e propria emergenza di umanità. Sono profondamente convinto che la questione dell’immigrazione vada affrontata dall’intera Europa, ma non si possono strumentalizzare gli immigrati per fini politici o per pura propaganda. Non si può giocare sulla pelle, sulla vita degli immigrati. È in gioco la civiltà e direi anche una democrazia più responsabile. Non è buonismo ma è una questione di democrazia. È chiaro che l’accoglienza senza integrazione è fallimentare. L’accoglienza è una sfida e per un cristiano è anche una questione di fedeltà al Vangelo, che va preso nella sua totalità”.

“Gli immigrati – prosegue monsignor Savino – non vengono in Italia in crociera, fuggono da Paesi dove ci sono guerre, fame e persecuzione, lasciando anche gli affetti più cari. La diocesi di Cassano ha nell’anno scorso aperto due centri per immigrati minori non accompagnati, ha accolto, nell’ambito del progetto Cei ‘Corridoi Umanitari’ due famiglie eritree che sono ospitate a Morano Calabro presso la parrocchia Santa Maria Maddalena. Il sogno che ci abita è vivere una chiesa tutta missionaria e inclusiva. L’inclusione è una sfida e anche una opportunità, sia per lo Stato che per la Chiesa. L’immigrazione è una strada per realizzare la convivialità delle differenze”.

L’articolo Migranti ‘Diciotti’, vescovo Cassano: pagina triste, vengano qui proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Libri & Teatro, metti una sera al Museo di Pitagora con la scrittrice Adriana Toman

CROTONE – Mercoledì 29 agosto, alle sette di sera, appuntamento con la presentazione del libro Trilogia Gioachimita e incontro con l’autrice Adriana Toman al Museo di Pitagora. L’evento, a cura del consorzio Jobel, sarà accompagnato da un laboratorio teatrale sull’opera a cura di Sorgente delle Arti.

L’articolo Libri & Teatro, metti una sera al Museo di Pitagora con la scrittrice Adriana Toman proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Incidenti stradali sulla Jonica e sulla Tirrenica, due feriti gravi

Due feriti gravi in altrettanti incidenti stradali avvenuti in mattinata sui due versanti calabresi.

Sulla statale Jonica 106, tra Simeri Mare e Sellia Marina, all’alba una persona è rimasta ferita in maniera grave nello scontro tra un autoarticolato con cella frigo, un camion centinato ed una vettura Volkswagen Golf. Il conducente di quest’ultima è stato soccorso e trasportato all’ospedale di Catanzaro da un’ambulanza del 118. Il passeggero che era con lui è stato invece medicato sul posto. In seguito all’impatto, è rimasto danneggiato il serbatoio dell’autoarticolato dal quale è fuoriuscito carburante che ha invaso la sede stradale. Il traffico è stato quindi bloccato. Disagi si sono registrati alla circolazione. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Sellia Marina per la messa in sicurezza dei mezzi coinvolti e della zona interessata dal liquido infiammabile sulla carreggiata.

Incidente stradale anche sulla statale 18 tirrenica. Una ragazza di vent’anni è rimasta ferita gravemente in uno scontro violento tra due autovetture nei pressi di Paola. La giovane e’ stata trasportata con l’elisoccorso all’ospedale di Cosenza. Dopo un momentaneo stop al traffico, la statale è stata riaperta a senso unico alternato. Sul posto personale Anas e i carabinieri di Paola per l’accertamento della dinamica e la gestione della viabilità.

L’articolo Incidenti stradali sulla Jonica e sulla Tirrenica, due feriti gravi proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Musica, Centro storico in Jazz con Acoustic Trio di Umberto Napolitano

CROTONE – Dopo Geoff Westley ancora un altro grande nome internazionale per la prima edizione di Centro storico in Jazz. Giovedì 30 agosto alle ore 21.30 la Ferriata ospiterà un concerto di Umberto Napolitano. Considerato uno dei migliori pianisti e compositori jazz della Calabria, Napolitano sarà accompagnato da Frank Marino al basso e Vincenzo Gallo alla batteria. Acoustic Trio il nome della formazione che proporrà cover riadattate e brani originali di Nat Simon, Duke Ellington, Harbie Hancock, Bob Merrill, George Gershwin, Burt Bacharach, Lucio Battisti, Umberto Napolitano e molti altri.

L’articolo Musica, Centro storico in Jazz con Acoustic Trio di Umberto Napolitano proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Falerna, aggressione a scopo razziale: arrestate cinque persone

Lesioni personali aggravate con l’aggravante dell’odio razziale: è questa l’accusa per la quale questa mattina sono finite agli arresti domiciliari cinque persone, le stesse che nella notte tra il 15 e il 16 agosto scorsi all’esterno di un ristorante di Falerna sarebbero state protagoniste di una brutale aggressione ai danni di un cittadino dominicano, un giovane di 29 anni, della sua compagna, che è incinta, e della madre di quest’ultima, una donna di 69 anni, entrambe italiane.

Gli arresti sono stati effettuati dagli agenti del Commissariato della Polizia di Stato di Lamezia Terme, con l’ausilio di personale della Digos di Catanzaro e del Reparto Prevenzione Crimine Calabria di Vibo che hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari emessa dal Gip di Lamezia Terme su richiesta della Procura della Repubblica di Lamezia Terme.

Le indagini condotte dal Commissariato di Lamezia Terme hanno permesso di accertare che i cinque aggressori, tre uomini di Falerna e due marocchini residenti nella cittadina, per motivi abietti e futili e per finalità di discriminazione e odio razziale, avrebbero aggredito verbalmente e fisicamente il cittadino dominicano e poi anche la suocera che aveva tentato di difenderlo. Quest’ultima aveva riportato la frattura dell’omero, con una prognosi di 30 giorni.

La Procura del Repubblica di Lamezia Terme ha coordinato le indagini che hanno permesso di giungere in brevissimo tempo all’individuazione degli autori dell’aggressione, richiedendo con tempestività al Gip di Lamezia Terme l’emissione di idonea misura cautelare, che nella mattinata odierna è stata eseguita.

L’articolo Falerna, aggressione a scopo razziale: arrestate cinque persone proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Serie B, Crotone travolto a Cittadella: l’esordio è da dimenticare

Falsa partenza per il Crotone che subisce un pesante ko dell’esordio di Cittadella. Una prova contraddittoria per i rossoblu apparsi in evidente fase di rodaggio e completamente spariti nella ripresa dopo un buon primo tempo per intensità e qualità di gioco, tolti i primi cinque minuti. Stroppa inserisce Molina e Firenze nella formazione di partenza confermando il resto dello schieramento. Ma l’avvio è choc e il Cittadella passa dopo 3 minuti con Scappini che anticipa Golemic e brucia Cordaz. Il Crotone prende presto il pallino in mano e comanda le operazioni con possesso e pericolosità costanti. Le azioni fioccano ma manca ma precisione negli ultimi sedici metri soprattutto quando Simy si divora il pari e rohden sfiora il bersaglio di testa. Il Cittadella conserva il vantaggio è nella ripresa approfitta del calo vistoso dei rossoblu. I veneti raddoppiano in apertura di ripresa con Schenetti e il Crotone stavolta reagisce confuso. Stroppa cambia le carte in tavola inserendo Stoian e Martella ma la musica non cambia, anzi il Cittadella sfiora il tris negato da un cordaz superlativo, che però non può nulla nel finale sul tiro ravvicinato di Strizzolo. Finisce così, col Crotone a capo chino per un debutto amaro da archiviare al più presto.

Marcatori: 3′ Scappini, 49′ Schenetti, 89′ Strizzolo

Cittadella (4-2-3-1): Paleari; Ghiringhelli, Adorni, Drudi, Benedetti; Iori, Settembrini; Scappini (77′ Strizzolo), Branca (68′ Proia), Schenetti; Finotto (83′ Panico). All. Venturato.

Crotone (3-5-2): Cordaz; Sampirisi, Golemic, Marchizza; Faraoni (82′ Spinelli), Molina (57′ Martella), Benali, Rohden, Firenze; Simy (56′ Stoian), Nalini. All. Stroppa.

Arbitro: Niccolò Baroni di Firenze

Ammoniti: 13′ Iori (Ci), 29′ Drudi (Ci), 59′ Golemic (Cr), 82′ Ghiringhelli (Ci)

Espulsi: 82′ Golemic (Cr)

L’articolo Serie B, Crotone travolto a Cittadella: l’esordio è da dimenticare proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Aeroporti, primo volo da Lamezia per Milano Malpensa con Air Italy

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – La compagnia Air Italy ha inaugurato domenica 26 agosto il suo primo collegamento tra gli aeroporti di Lamezia Terme e Milano Malpensa. La nuova rotta, grazie a collegamenti in coincidenza con i voli operativi sull’hub di Milano Malpensa, informa Sacal, unisce Lamezia Terme e la Calabria a New York, Miami, L’Avana, Bangkok, Delhi, Mumbai, Mosca, Il Cairo, Dakar, Accra e Lagos.

Il volo IG973 è decollato da Milano Malpensa alle 12.30 ed è atterrato all’aeroporto calabrese alle 14.15, dove è stato accolto dal tradizionale battesimo d’acqua. Il volo IG974 diretto a Milano è partito alle 15. Il nuovo collegamento giornaliero Lamezia Terme-Milano opererà dieci volte alla settimana in estate andando a raddoppiare la frequenza giornaliera da fine ottobre 2018.

Soddisfatti il presidente di Sacal, Arturo De Felice, ed il management dell’aeroporto di Lamezia Terme.

L’articolo Aeroporti, primo volo da Lamezia per Milano Malpensa con Air Italy proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Stadio, Martusciello (Ppe-FI) a Malagò: l’italia non finisce prima di Crotone

Fulvio Martusciello torna ad occuparsi delle vicende calcistiche del Crotone. Dopo aver annunciato che porterà il caso Chievo a Bruxelles, l’europarlamentare di Forza Italia interviene sulla chiusura dell’Ezio Scida chiamando in causa Giovanni Malagò.

“Chiediamo con urgenza al presidente del Coni un tavolo di discussione sullo stadio del Crotone. A distanza di una setttimana dall’esordio casalingo il Crotone non sa ancora dove disputerà il campionato. Se fosse accaduto ad una squadra del nord avrebbero trovato soluzioni di responsabilità”.

“L’Italia non finisce prima di Crotone” aggiunge l’europarlamentare napoletano. “Chiediamo con urgenza un tavolo per poter rendere il sindaco capace di potersi assumere la responsabilità dell’apertura dello stadio”.

L’articolo Stadio, Martusciello (Ppe-FI) a Malagò: l’italia non finisce prima di Crotone proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Stadio Crotone, mobilitazione dei tifosi: lettera al prefetto e corteo lunedì

CROTONE – Nel silenzio dell’Amministrazione comunale, i tifosi si mobilitano per lo stadio che non ha ottenuto – per un problema burocratico – l’agibilità proprio alla vigilia del campionato di serie B. Due le iniziative: una lettera da inviare via mail al prefetto di Crotone ed una manifestazione da tenersi lunedì 27 agosto. Lo stadio Ezio Scida non ha ottenuto l’agibilità a causa della vicenda legata alle strutture amovibili di Tribuna coperta e curva sud che non hanno avuto la proroga all’autorizzazione da parte della Soprintendenza. Lunedì 27 agosto alle 18, proprio dallo stadio, muoverà un corteo spontaneo che raggiungerà il Municipio per ribadire, come si legge nello slogan “Vogliamo il Crotone a Crotone.

L’altra iniziativa riguarda una lettera che ogni appassionato di calcio può inviare via mail al prefetto Cosima Di Stani. Nella lettera si ribadisce il “disappunto dinanzi all’ennesima umiliazione perpetrata ai danni della collettività crotonese” e chiede “nell’interesse della cittadinanza dell’intero territorio provinciale, di voler porre in essere ogni strumento atto a scongiurare, con fermezza, la possibilità che lo stadio Ezio Scida venga dichiarato inagibile”. Secondo i tifosi “tale evenienza, difatti, arrecherebbe gravissimo nocumento alla locale squadra di calcio ed ai suoi tifosi, con innegabili ripercussioni economiche e sociali su di un territorio ormai dilaniato da innumerevoli problemi. Tra l’altro, alla luce delle risultanze emerse, ci è dato sapere che l’interesse pubblico sarebbe assolutamente salvaguardato, posto che le parti, in questi due anni di gestione dello stadio, hanno ben preservato gli antichi resti dell’Antica Kroton, adottando tutte le cautele del caso”.

Secondo i tifosi la decisione di ritirare l’agibilità, basata esclusivamente su una questione burocratica in quanto lo stadio è perfetto sotto ogni punto di vista, “è fuori da ogni logica ed è in aperto contrasto con gli interessi di un intero territorio che cerca in tutti i modi di rialzare la testa, inseguendo un riscatto sociale attraverso la propria squadra di calcio che, spiace dirlo, rappresenta, al momento, uno dei pochissimi motivi d’orgoglio della provincia crotonese”.

Al Prefetto Di Stani viene chiesto di ” di garantire il legittimo esercizio dei diritti e degli interessi legittimi dei cittadini del territorio crotonese, scongiurando che squallidi ed egoistici giochi di potere possano defraudare un’intera collettività di posizioni d’avanguardia ottenute nell’ultimo ventennio con sacrificio e grande senso di appartenenza”.

L’articolo Stadio Crotone, mobilitazione dei tifosi: lettera al prefetto e corteo lunedì proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Ucciso per difendere un amico, commozione ai funerali del giovane accoltellato

COSENZA – “Ci hai lasciato all’improvviso ma il tempo non cancellerà il tuo sorriso” c’è scritto sullo striscione degli amici all’uscita della chiesa della Madonna di Loreto, a Cosenza, dove sono stati celebrati i funerali di Francesco Augieri, il ragazzo di 23 anni ucciso con una coltellata a Diamante, il 22 agosto scorso. Le esequie sono state celebrate in un clima di grande commozione e alla presenza di tantissimi amici e conoscenti in lacrime. Ha officiato monsignor Salvatore Nunnari, arcivescovo emerito della diocesi, con il padre vicario e i sacerdoti delle città di Cosenza e Diamante. “Hai perso la tua vita – ha detto un amico del ragazzo durante la cerimonia funebre – per difendere un amico”. Un lungo applauso ha accompagnato il feretro all’uscita della messa. Accesi fumogeni rossi e blu in ricordo della fede calcistica del ragazzo, tifoso del Cosenza. Le indagini continuano per individuare i partecipanti alla rissa e il responsabile dell’omicidio.

L’articolo Ucciso per difendere un amico, commozione ai funerali del giovane accoltellato proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___