Furto di gasolio nella notte al porto di Crotone

CROTONE – I carabinieri stanno indagando su un furto di gasolio dal distributore che si trova al porto di Crotone. Il furto è avvenuto nella notte del 31 agosto quando ignoti, dopo aver danneggiato il distributore di gasolio ubicato presso il molo “sottoflutto” del porto commerciale, hanno asportato circa 100 litri di gasolio. Le indagini in corso da parte dei carabinieri della Compagnia di Crotone, sono rese difficile dall’assoluta mancanza di testimoni ed anche di telecamere di videosorveglianza dalle quali poter trarre eventuali indizi.

L’articolo Furto di gasolio nella notte al porto di Crotone proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Mesoraca, 50enne trovato dai carabinieri a coltivare marijuana

MESORACA – Un uomo di 50 anni, P.F. di Mesoraca, è stato arrestato dai carabinieri dell’aliquota operativa della compagnia di Petilia Policastro per coltivazione, produzione e detenzione ai fini di spaccio di “marijuana”. L’arresto è giunto al termine di un’attività di controllo che i carabinieri della Compagna comandata dal capitano Marco D’Angelo hanno svolto per oltre un mese e che negli ultimi giorni si era intensificata. L’uomo, che ha precedenti specifici, era stato monitorato costantemente dai carabinieri e negli ultimi tre giorni i servizi di appostamento hanno permesso di identificarlo con certezza come il responsabile della coltivazione di alcune piante di marijuana. Così venerdì è scattato il blitz ed il 50enne è stato arrestato proprio mentre stava prendendosi cura di 25 piante di cannabis indica di oltre il metro e mezzo di altezza. L’uomo successivamente, è stato rimesso in libertà dal pm di turno che ha ritenuto non ci sussistessero più le esigenze cautelari in quanto la marijuiana era stata sequestrata.

L’articolo Mesoraca, 50enne trovato dai carabinieri a coltivare marijuana proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

A Capo Cimiti sbarcano 32 migranti giunti su un veliero

ISOLA CAPO RIZZUTO – Ennesimo sbarco sulle coste del crotonese. Trentadue migranti sono sbarcate questa mattina all’alba a Capo Cimiti nel territorio del Comune di Isola Capo Rizzuto, all’interno dell’Area marina protetta Capo Rizzuto, dove sono arrivati a bordo di un veliero di 12 metri. Del gruppo fanno parte 27 pakistani e 5 bengalesi. Tra di loro anche 4 minori e due donne.
A dare l’allarme è stato il proprietario del fondo attiguo al tratto di costa che i migranti avevano già raggiunto dopo essere scesi dalla barca. Sul posto è intervenuto il dispositivo di soccorso del quale ha fatto parte anche personale della Croce Rossa e della Misericordia. Sullo sbarco indaga la Polizia di Stato.

L’articolo A Capo Cimiti sbarcano 32 migranti giunti su un veliero proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Torre Melissa, voleva spendere banconota falsa: arrestato

TORRE MELISSA – Ha tentato di spendere una banconota falsa. Per questo un ragazzo di Torre Melissa, M.B. di 22 anni, è stato arrestato dall’aliquota radiomobile dei carabinieri di Cirò Marina. Il ragazzo, presso un bar del luogo, ha tentato di spendere una banconota falsa da 50,00 euro che, nel corso della perquisizione personale eseguita dai militari, è stata rinvenuta in suo possesso.
Nel medesimo contesto è stato denunciato un 27enne carrozziere della provincia di Milano, ritenuto responsabile del reato di detenzione e porto di armi od oggetti atti ad offendere. Il 27enne si trovava in compagnia del ragazzo che aveva la banconota falsa e, in seguito alla perquisizione eseguita dai militari sul veicolo sul quale viaggiava l’arrestato, è stato trovato in possesso di un tirapugni in acciaio e di un giravite. Gli oggetti e la banconota falsa sono stati sequestrati.

L’articolo Torre Melissa, voleva spendere banconota falsa: arrestato proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Fotografi crotonesi – Vincenzo Commodari

Vincenzo ‘Stark’ Commodari. è un krotografo della primissima ora, e a confrontare i suoi lavori iniziali con quelli di adesso si può facilmente notare quanta strada abbia fatto. Le sue fotografie mostrano un occhio sensibile, attento più alle sfumature emotive che a quelle cromatiche o geometriche, nonostante siano evidentemente curate anche quelle. A suo agio sia col colore che con il bianco e nero, persino con quel viola che tanto spopola oggi sui social e che noi odiamo: ma lui riesce a farci piacere anche quello.

Cosa ti ha portato ad appassionarti alla fotografia?

Come tutti, sentire il rumore dell’otturatore che si chiude è stata magia. Da quel momento ho capito che la passione per la fotografia mi avrebbe accompagnato per tutta la vita. Ora se non porto sempre con me la mia reflex mi sento perso.

Quali soggetti preferisci?

Non ho soggetti preferiti in particolare, adoro scattare tutto ciò che è vivo e dinamico, dalle persone ai palazzi, tutto ciò che abbia una storia particolare che può essere raccontata con il mio scatto.

Cosa vuoi raccontare con le fotografie?

Io ho intrapreso la strada della fotografia perché mi serviva come mezzo per dare forma alle mie emozioni, e spero che in ogni mia foto questo esca fuori e colpisca l’occhio dell’osservatore.

L’articolo Fotografi crotonesi – Vincenzo Commodari proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Nigeriano grave dopo lite nel vibonese, fermato un connazionale

VIBO VALENTIA – Un richiedente asilo di nazionalità nigeriana è ricoverato in gravi condizioni nell’ospedale di Vibo Valentia per le ferite riportate in uno scontro con un altro richiedente asilo suo connazionale avvenuto vicino al centro Cas di Nicotera dove i due sono ospiti. Un trentenne, già noto alle forze dell’ordine, è stato sottoposto a fermo dai carabinieri della Compagnia di Tropea.

Il litigio poi degenerato, secondo quanto accertato dai militari, è iniziato a bordo di un treno. La vittima, che viaggiava senza biglietto, ha litigato con il controllore. Il fermato, invece, è intervenuto a difesa del dipendente delle ferrovie . Il litigio tra i due nigeriani è proseguito dalla stazione fino nelle vicinanze del centro Cas dove i due si sono affrontati, la vittima con un bastone ed il fermato con una bottiglia di vetro rotta.

Ad avvertire i carabinieri di Nicotera e Nicotera Marina è stato il 118 dopo che la vittima si è presentata con profondi tagli sui polsi.

L’articolo Nigeriano grave dopo lite nel vibonese, fermato un connazionale proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Fioccano le multe per divieto di sosta durante corteo per aeroporto Crotone

CROTONE – Brutta sorpresa per decine di manifestanti nel corso della protesta organizzata nel pomeriggio del 31 agosto davanti all’aeroporto di Crotone. Oltre ad essersi impegnati ed aver sacrificato il proprio tempo per manifestare a favore della continuazione dei voli dallo scalo crotonese, molte persone che hanno partecipato al corteo sono state anche multate dalla polizia municipale di Isola Capo Rizzuto per aver lasciato l’auto in divieto di sosta. Non avendo ottenuto la disponibilità di un’area di parcheggio nei pressi della vecchia aerostazione, infatti, i manifestanti avevano parcheggiato le autovetture lungo la strada di accesso all’aeroporto dove vige il divieto di sosta. I vigili urbani di Isola Capo Rizzuto, che solitamente pare si vedano poco dalle parti dello scalo aeroportuale, hanno elevato decine di contravvenzioni nei confronti di chi manifestava per far continuare l’attività dell’ aeroporto. Anche se legittima, l’iniziativa della polizia locale di Isola Capo Rizzuto, considerata la situazione, è apparsa ai più poco opportuna e finalizzata a cogliere l’occasione per fare cassa. Diverse le proteste da parte delle persone che hanno partecipato alla manifestazione.

L’articolo Fioccano le multe per divieto di sosta durante corteo per aeroporto Crotone proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Crotone-Foggia, Stroppa suona la carica: “Equilibrio, pazienza e cattiveria”

“Senza certe caratteristiche che hanno reso famoso il Crotone, come quella della fame e cattiveria, non vai da nessuna parte”. Giovanni Stroppa suona la carica in vista dell’impegno di domenica sera contro il Foggia, una sfida che evoca ricordi freschissimi per l’ex tecnico dei satanelli, sulla panchina pugliese fino allo scorso giugno, ma adesso buttato a capofitto nella nuova avventura in rossoblù. A Stroppa il ko di Cittadella non è andato giù, soprattutto per alcune lacune caratteriali, che hanno vanificato anche una prova per certi aspetti positiva: “Ci sono state cose negative e altre buone, e da quelle dobbiamo ripartire”. Il tecnico punta l’accento sulla ‘cattiveria’: “Senza quella non puoi stare in questa categoria – ammonisce il coach – e ho già parlato alla squadra su questo aspetto. Mi aspetto una pronta reazione, perchè dobbiamo iniziare a fare punti”.

Stroppa conosce pregi e difetti del prossimo avversario, ma introduce la sfida ringraziando anzitutto tutto l’ambiente foggiano: “Sono stati due anni meravigliosi che porterò sempre nel mio cuore. Quello che abbiamo fatto è stato incredibile, e devo dire grazie a tutti, società, tifosi, giocatori. E’ stata una bellissima esperienza, ma sono un professionista e adesso la mia testa è soltanto rivolta al Crotone. Conosciamo le qualità della squadra di Grassadonia, ma noi proveremo a mettere in campo le nostre”.

Mancherà lo squalificato Golemic, che sarà sostituito da uno tra Curado, Cuomo e Vaisanen: “Giocherà uno di loro, non è il caso di inventarsi qualcosa di diverso. Probabilmente sposterà Sampirisi in mezzo perchè è quello con le maggiori capacità di interpretare i tre ruoli, e il prescelto giocherà invece sul centro-destra”. La sensazione è che sarà Curado a debuttare dal primo minuto, così come appare probabile che Martella si riprenderà il posto sulla fascia sinistra: “Ho fatto delle scelte dovute anche a una questione di condizione, e Martella, che per me è un punto fermo, era affaticato nella settimana precedente e quindo ho preferito fare altre valutazioni”.

La falsa partenza preoccupa relativamente Stroppa, che predica pazienza ed equilibrio: “La serie B è un campionato insidioso, e sapevamo che il Cittadella ci avrebbe procurato delle difficoltà. Ma abbiamo fatto intravedere scorci di buon calcio, di occupazione degli spazi e di qualità. Tutto questo dovrà essere accompagnato dalla giusta dose di cattiveria, perchè l’approccio dei due tempi di Cittadella non deve più verificarsi”.

L’articolo Crotone-Foggia, Stroppa suona la carica: “Equilibrio, pazienza e cattiveria” proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Aeroporto, corteo blocca la 106: Crotone deve volare

CROTONE – Trovare soluzioni per fare continuare l’attività volativa da e per l’aeroporto di Crotone. E’ quello che hanno chiesto circa 200 manifestanti che hanno preso parte alla manifestazione promossa dal Comitato cittadino ‘Aeroporto di Crotone’ che si è svolta nel pomeriggio del 31 agosto in concomitanza con l’ultimo volo partito da Crotone con destinazione Pisa. La manifestazione era motivata proprio dal fatto che dal 31 agosto i voli da Crotone per Pisa sono terminati senza che sia stata trovata ‘un’altra tratta per far continuare i voli da parte della Sacal, la società che gestisce l’aeroporto di Crotone insieme a quelli di Lamezia Terme e Reggio Calabria. Un grido di allarme dei cittadini verso le istituzioni delegate a chiedere a Sacal cosa intende fare per far funzionare l’infrastruttura in considerazione del fatto che dal 27 ottobre si concluderanno anche i voli da Crotone per Bergamo. I manifestanti, al grido di ‘Crotone vuole volare’, hanno bloccato per quasi un’ora la Statale 106 procedendo lentamente sulla carreggiata in corteo causando notevoli disagi al traffico. Presenti anche i deputati Laura Granato del movimento 5 stelle e Marco Siclari di Forza Italia Siclari, la consigliera regionale Flora Sculco, il vicesindaco di Crotone Benedetto Proto, gran parte dei sindaci della provincia di Crotone, il segretario della ‘Lega – Noi con Salvini’ Giancarlo Cerrelli. Nel corso della manifestazione è stato fatto firmare ai cittadini presenti un documento nel quale si chiede al Prefetto di Crotone di intervenire sulla vicenda dell’aeroporto.

L’articolo Aeroporto, corteo blocca la 106: Crotone deve volare proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Siclari (FI): soluzione alternativa alla chiusura dell’aeroporto dopo il 31 ottobre

CROTONE – Occhi puntati sull’aeroporto Sant’Anna di Crotone nelle ore in cui termina il collegamento con Pisa – l’ultimo volo era previsto per oggi – e quando mancano esattamente due mesi all’ultimo volo per Bergamo, in programma il 31 ottobre. Forza Italia ha fatto sentire la propria voce questa mattina nella sala consiliare del Comune con l’iniziativa “31 agosto, ultimo volo!”, alla quale ha preso parte il senatore calabrese di Forza Italia Marco Siclari.

“La politica – ha detto Siclari – ha perso troppo tempo in Calabria. Questo non significa che dobbiamo rassegnarci alle scelte fatte fino ad ora. Dobbiamo reagire, perché il silenzio ha portato alla rassegnazione, che non appartiene ai giovani. La mia idea per l’aeroporto di Crotone, ma anche per quello di Reggio Calabria, è quella di continuare a mantenerlo aperto, almeno fino a quando non ci sarà un progetto di sviluppo per l’intera Calabria che consentirà di poter avere un unico aeroporto internazionale per poter collegare le capitali europee con tutta la Calabria, attraverso un adeguato sistema di infrastrutture”.

Soffermandosi sulla situazione infrastrutturale del capoluogo pitagorico, il capogruppo in commissione Salute al Senato ha aggiunto: “Crotone è una città completamente isolata, dalla quale si impiegano quasi dieci ore per raggiungere Roma. La Regione non ha capito l’importanza di una propria rappresentanza in Sacal e questo ha fatto sì che la società di gestione aeroportuale potesse muoversi a modo suo, causando tutto questo. Io sarò al vostro fianco in questa battaglia perché si possa trovare una soluzione alternativa alla chiusura dello scalo aeroportuale dopo il 31 ottobre. Non farò sconti a nessuno, porterò in Senato anche il più piccolo problema di questo territorio” ha concluso il senatore prima di ampliare il discorso alle altre infrastrutture e affrontare temi come la sanità calabrese.

All’iniziativa hanno preso parte anche il sindaco di Crotone, Ugo Pugliese, il quale ha dichiarato che “stiamo lavorando in queste ore ininterrottamente perché quello per Bergamo non sia l’ultimo volo”, il consigliere comunale di Crotone di Forza Italia Antonio Argentieri Piuma, il consigliere comunale di Cutro Massimo Tambaro, il presidente di Confindustria Reggio Calabria, Giuseppe Nucera, Stella Salmeri, del coordinamento provinciale di Forza Italia, il segretario provinciale della Lega, Giancarlo Cerrelli, e i componenti del Comitato e dell’Associazione pro aeroporto.

L’articolo Siclari (FI): soluzione alternativa alla chiusura dell’aeroporto dopo il 31 ottobre proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___