Piscina olimpionica, parte la gara per la gestione in concessione

CROTONE – E’ stata pubblicata sul portale trasparenza del comune di Crotone la determina di indizione della gara per la concessione della piscina olimpionica comunale, cui seguirà la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale. Lo rende noto l’assessorato allo sport. La concessione riguarda la gestione dell’impianto con l’obiettivo di garantire lo svolgimento di attività sportive agonistiche, non agonistiche, amatoriali, ricreative e correlate al benessere psicofisico della persona.

La struttura sarà consegnata al concessionario con l’impianto fotovoltaico allacciato in rete, con conseguente riduzione dei costi di gestione; farà inoltre parte della concessione, dopo il suo completamento e la sua posa in opera, la nuova copertura pressostatica. Tra gli obblighi del concessionario, garantire l’accesso gratuito agli atleti disabili, sulla base del protocollo d’intesa stipulato dall’Amministrazione comunale con il Comitato Paralimpico, applicare tariffe ridotte del 50 per cento agli anziani.

“Continua così l’azione amministrativa dell’assessore allo Sport, Luca Bossi, con l’obiettivo di restituire gli impianti sportivi presenti sul territorio alla città” sottolinea una nota dell’Ente. “E’ un punto cardine della nostra azione amministrativa” dichiara l’assessore Bossi. “Diamo continuità alla strada intrapresa per gli impianti minori, tutelando la pratica dello sport a favore delle categorie più disagiate, e cercando di valorizzare la pratica agonistica”.

L’articolo Piscina olimpionica, parte la gara per la gestione in concessione proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Anche le elezioni regionali il 3 e 4 ottobre: l’annuncio del presidente Spirlì

“La Calabria va al voto il 3 e 4 ottobre”. Lo ha annunciato il presidente facente funzioni della Regione Calabria, Nino Spirlì, parlando con i giornalisti a margine di una conferenza stampa nella sede della Giunta a Catanzaro. “Ieri sera – ha riferito Spirlì – ho sentito il ministro Lamorgese, stamattina il presidente della Corte d’appello di Catanzaro, Introcaso, ieri sera il presidente del Consiglio regionale Arruzzolo e il prefetto di Catanzaro Cucinotta. Quindi adesso parte tutta la macchina organizzativa. Da oggi, appena sarà pubblicato il decreto, siamo già con le carte in mano, pronti a partire. Finalmente – ha concluso il presidente ff della Regione Calabria – si vota, finalmente i calabresi potranno esprimere il loro gradimento sul candidato presidente della Giunta e sui candidati per il futuro Consiglio regionale”.

L’articolo Anche le elezioni regionali il 3 e 4 ottobre: l’annuncio del presidente Spirlì proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Coppa Italia, Crotone-Brescia lunedì 16 agosto allo Scida alle 17,45

Crotone-Brescia il 16 agosto allo Scida alle 17,45. Un po’ prestino per una sfida inserita in piena estate in una località balneare che a quell’ora registra temperature solitamente roventi, poco inclini per ospitare eventi. Ma esigenze televisivi e altri obblighi impongono anche scelte contraddittorie. Così, tanto per dire, Udinese-Ascoli, è stata inserita venerdì 13 agosto alle 21. Invertire le due finestre sarebbe stata forse una scelta più saggia viste le differenti connotazioni geografiche. Certo questa soluzione metterà a dura prova la volontà degli spettatori crotonesi di sorbirsi due ore (almeno) di calura estiva. Ma tant’è.

La gara si giocherà allo Scida lunedì 16 agosto alle ore 17:45 e sarà trasmessa in diretta sul canale 20 di Mediaset. Chi vince passa ai Sedicesimi dove affronterà la vincente di Udinese-Ascoli.

L’articolo Coppa Italia, Crotone-Brescia lunedì 16 agosto allo Scida alle 17,45 proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

I premi creati da Affidato alle star del cinema italiano e internazionale

Si è conclusa la XIII edizione del “Marateale – Premio Internazionale Basilicata”, che per cinque giorni, a Maratea, ha promosso il grande cinema. Ideato da Nicola Timpone e condotto da Veronica Maya, Monica Marangoni, Carolina Rey, Beppe Convertini e Janet De Nardis, l’edizione 2021 del “Marateale” ha visto la partecipazione di grandi personalità del cinema nazionale ed internazionale. Da Carlo Verdone ad Alessio Boni, da Luca Ward, Nancy Brilli e Rocco Papaleo ai registi Paolo Genovese, Giovanni Veronesi e Cinzia Torrini, fino alla star hollywoodiana Matt Dillon, in tanti sono arrivati in Basilicata per presentare i loro film recenti e soprattutto per condividere la loro esperienza attraverso delle seguitissime masterclass.

All’azienda orafa del maestro Michele Affidato è stato dato il compito di realizzare il “Cristo Redentore di Maratea”, che nel corso delle serate è stato consegnato ai vari ospiti. L’opera ricalca la scultura posta sulla cima di monte San Biagio, sovrastante Maratea. In questa creazione, il Maestro orafo, ha dunque fuso l’elemento più rappresentativo della città con quello che più di tutti simboleggia il cinema: la scultura in argento, infatti, raffigura il “Cristo Redentore” sovrastare una pellicola cinematografica.

Tra i tanti a ricevere il prestigioso riconoscimento sono stati l’attore, regista, sceneggiatore, doppiatore e comico romano Carolo Verdone, l’attore teatrale Alessio Boni, ma anche il regista e attore statunitense Matt Dillon. Intensa, poi, è stata la serata conclusiva della kermesse, dove Michele Affidato, ha consegnato personalmente il premio ad uno dei talenti più cristallini e raffinati del mondo delle musica: il compositore e direttore d’orchestra Giovanni Allevi.

Nei prossimi giorni, tanti altri saranno ancora gli appuntamenti che vedranno l’arte del Maestro orafo al centro di grandi eventi tra cui: il Magna Graecia Film Festival, il Premio Heraclea, il Premio Letterario Caccuri, il Premio Faro e il Premio la Porta d’Argento; ma non solo, perché i gioielli creati da Affidato saranno al centro di diverse sfilate di moda che si svolgeranno durante questa estate.

L’articolo I premi creati da Affidato alle star del cinema italiano e internazionale proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Crotone, la Corte dei conti al Comune: non possiamo indicarvi come usare le royalties

CROTONE – La Corte dei conti non può indicare al comune di Crotone come utilizzare le royalties perché darebbe luogo ad una ingerenza nell’attività gestionale dell’ente. Così lo scorso 19 luglio la sezione regionale di controllo della Calabria risponde al sindaco di Crotone, Enzo Voce, che a luglio scorso “allo scopo di orientare l’azione amministrativa” aveva chiesto un parere se poteva utilizzare pienamente le royalties che il comune riceve per l’estrazione del metano “indipendentemente dalla natura discrezionale o meno della spesa”.

La Corte, riconosce di avere anche una funzione consultiva (prevista dall’articolo 7 comma 8 della legge 5 giugno 2003) e ritiene ammissibile la richiesta del sindaco dal punto di vista soggettivo. Tuttavia sottolinea che le richieste di parere concernenti valutazioni su casi o atti gestionali specifici possono determinare una ingerenza della Corte dei conti nell’attività dell’ente facendone venire meno la terzietà. Inoltre, considerato che la richiesta del sindaco muoveva dal fatto che la Corte dei conti ha bloccato la spesa del Comune per questioni relative alla situazione finanziaria nel rendiconto 2015, i giudici contabili ritengono che la funzione consultiva non può dar luogo ad interferenze con le funzioni requirenti e giurisdizionali della stressa corte.

In presenza del blocco della spesa “risulta evidente – scrive la Corte dei conti – che ove questa sezione indicasse al Comune di Crotone come utilizzare le proprie royalties, ovvero quali programmi di spesa possano essere in concreto con essi finanziati, avrebbe luogo un atto di indebita ingerenza nell’attività gestionale dell’ente; ciò risulterebbe irrispettoso della separazione tra la funzione di controllo della Corte dei conti e l’attività amministrativa”.

L’articolo Crotone, la Corte dei conti al Comune: non possiamo indicarvi come usare le royalties proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Elezioni comunali, fissata la data: si vota il 3 e 4 ottobre

Il ministro dell’interno, Luciana Lamorgese, ha adottato il decreto che fissa la data del turno ordinario annuale di elezioni amministrative (comunali e circoscrizionali) nei comuni delle regioni a statuto ordinario. Le elezioni si svolgeranno domenica 3 e lunedì 4 ottobre, con eventuale turno di ballottaggio per l’elezione diretta dei sindaci domenica 17 e lunedì 18 ottobre.

I comuni coinvolti saranno 1.162, tra i quali 18 capoluoghi di provincia (ivi compresi Torino, Milano, Bologna, Roma e Napoli) e 9 comuni sciolti per fenomeni di condizionamento e infiltrazione di tipo mafioso, per un totale di 12.015.276 elettori. Nella provincia di Crotone si andrà al voto a Cotronei e Pallagorio per scadenza naturale delle amministrazioni, Crucoli, Casabona e Petilia Policastro i cui Comuni sono commissariati.

L’articolo Elezioni comunali, fissata la data: si vota il 3 e 4 ottobre proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Crotone, accerchiano agenti di polizia per evitare arresto di spacciatore

CROTONE – Sono riusciti a effettuare l’arresto nonostante fossero stati accerchiati da decine di persone che volevano impedirlo a tutti i costi. E’ accaduto nel pomeriggio del 2 agosto 2021 nel quartiere di Acquabona dove gli agenti della Squadra Volante hanno arrestato P. M., catanzarese di 32 anni, con numerosi precedenti di Polizia in quanto resosi responsabile dei reati di produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti o psicotrope, nonché di resistenza a Pubblico Ufficiale

Nel tardo pomeriggio gli agenti della Volante hanno notato un uomo che, alla vista dell’autovettura della Polizia, si allontanava rapidamente in uno dei vicoli del quartiere e cercava di disfarsi di un borsello nero, lanciandolo dalla parte opposta alla direzione di fuga. Una volta raggiunto dagli operatori l’uomo cercava di resistere all’arresto con una reazione violenta nei confronti dei poliziotti che riuscivano a contenerlo, con non poche difficoltà.

Nel borsello, recuperato dalla Polizia, venivano trovati tre involucri contenenti ”cocaina” (del peso lordo di gr. 37.09, gr. 0.50 e gr. 0.17), un bilancino di precisione ancora sporco di sostanza stupefacente, una banconota di 20 euro 20 e vario materiale di confezionamento.

Mentre i poliziotti stavano conducendo l’uomo nella vettura di servizio venivano accerchiati da alcuni soggetti residenti in quell’area che, in difesa dell’arrestato, si contrapponevano tra gli operatori e l’uomo col chiaro intento di impedire che lo stesso venisse portato via. Il 32enne, approfittando della situazione venutasi a creare cercava di svincolarsi, reagendo nei confronti degli operatori, colpendone alcuni con gomitate e calci, tentando nuovamente di guadagnarsi la fuga dimenandosi con vemenza. Nel farlo l’uomo cadeva rovinosamente a terra battendo la testa procurandosi una lieve ferita all’altezza della parte posteriore della nuca.

Da accertamenti effettuati si evinceva che l’uomo vantava numerosi precedenti/pregiudizi di polizia e nei suoi confronti c’era anche un ordine di cattura da eseguire per esecuzione di carcerazione.

Il soggetto veniva portato in Questura, in flagranza, per il reato di spaccio di stupefacenti, resistenza ed altro e nel contempo si procedeva anche alla esecuzione del provvedimento di revoca dell’affidamento in prova. Martedì 3 agosto, al termine dell’udienza con rito direttissimo, veniva convalidato l’arresto e disposta la misura cautelare in carcere come richiesto dall’accusa.

L’articolo Crotone, accerchiano agenti di polizia per evitare arresto di spacciatore proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Acqua in mare? A2A precisa: dopo lo scarico non è più nostra competenza

“Quanto avviene alla risorsa idrica a valle dello scarico della centrale di Calusia non rientra nelle proprie prerogative di concessionaria né nelle proprie correlate responsabilità”. E’ quanto scrive A2A in riferimento alle dichiarazioni del presidente del Consorzio di bonifica Ionio Crotonese chesia nei giorni scorsi che martedì 3 agosto conm una lettera aperta, ha denunciato lo ‘sversamento in mare’ delle acque turbinate dalle centrali idroelettriche A2A di Orichella, Timpagrande e Calusia.

“Qualora Enti e Istituzioni locali intendessero realizzare un diverso uso di tali acque a valle di Calusia, A2A non solleverebbe alcuna obiezione” precisa la società ribadendo: “Ciò che però non può essere oggetto di confusione sono da un lato i diritti sanciti da concessioni vigenti, – funzionali alla produzione di energia rinnovabile della quale il nostro Paese ha e avrà sempre maggior bisogno – e gli sprechi e gli abusi della preziosa risorsa idrica che troppo spesso comportano una ridotta disponibilità della stessa proprio dove e quando essa è più necessaria”.

La multinazionale che gestisce i bacini silani per la produzione di energia idroelettrica sostiene: “La strada per ottimizzare gli usi dell’acqua pubblica non è dissiparne quantità sempre maggiori tra prelievi abusivi, infrastrutture di adduzione e distribuzione fatiscenti, assenza di contabilizzazione dei consumi e tecniche di irrigazione vetuste, ma passa necessariamente per interventi infrastrutturali non più rimandabili”.

A2A ricorda anche di avere proposto alla Regione “soluzioni di ottimizzazione che possano accrescere in futuro le disponibilità irrigue senza pregiudicare eccessivamente la produzione di energia rinnovabile, e di essere in attesa di una valutazione di tali proposte, per le quali conferma la propria disponibilità all’Amministrazione Regionale”.

L’articolo Acqua in mare? A2A precisa: dopo lo scarico non è più nostra competenza proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Crotone, bando di gara per riqualificare gli impianti sportivi del Settore B

CROTONE – Il Comune di Crotone ha pubblicato infatti il bando di gara per la riqualificazione dell’impianto sportivo “Settore B”. Il progetto prevede la realizzazione di una nuova pista di atletica, della lunetta per il salto in alto, della pedana per il salto in lungo e triplo, il rifacimento degli spogliatoi, una nuova tribuna per il pubblico rimovibile, e una fornitura adeguata di attrezzature per le pratiche di atletica leggera. Previsto inoltre il rifacimento del campo di calcio e la posa in opera di un nuovo manto erboso.

L’importo per la progettazione è pari a €. 118.409,20 oltre iva mentre l’importo totale dei lavori è €. 1.291.019,81, oltre IVA, legati al finanziamento del PON Legalità. Al bando per la progettazione definitiva seguirà quello per appalto integrato legato a progettazione esecutiva ed esecuzione dei lavori. Entro 60 giorni dovrà essere terminato il progetto definitivo.

“E’ un altro elemento importante che, dopo i bandi per la gestione di dodici impianti sportivi nei quartieri della città, dopo il bando per la progettazione ex-novo della Piscina ex Coni e di altri impianti finanziati dalla Presidenza del Consiglio dei ministri, aggiungiamo al percorso della nostra programmazione – dice l’assessore Luca Bossi -. Tanti giovani che in questi giorni hanno sognato per le imprese sportive dei nostri atleti azzurri alle Olimpiadi presto avranno una struttura idonea per allenarsi e poter fare il salto di qualità in un luogo particolarmente caro agli sportivi cittadini e rifunzionalizzato. Proseguiamo su questa strada e nei prossimi giorni comunicheremo altre novità”.

L’articolo Crotone, bando di gara per riqualificare gli impianti sportivi del Settore B proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___