Pubblicato il

Centrale biomasse di Cutro, i sindacati proclamano stato di agitazione

CUTRO – Futuro incerto per la centrale, ritardi nei pagamenti degli stipendi. Sono alcuni dei motivi che hanno spinto le organizzazioni sindacali di categoria a proclamare lo stato di agitazione di tutti i 45 operai della Centrale ...

CUTRO – Futuro incerto per la centrale, ritardi nei pagamenti degli stipendi. Sono alcuni dei motivi che hanno spinto le organizzazioni sindacali di categoria a proclamare lo stato di agitazione di tutti i 45 operai della Centrale termoelettrica a biomasse di Cutro. In una nota del 30 aprile inviata alla Prefettura di Crotone Filtem Cgil, Flaei Cil e Uiltec Uil chiedono anche l’avvio della procedura conciliativa. La decisione di proclamare lo stato di agitazione è stata persa in seguito all’assemblea svolta il 24 aprile scorso.

Alla base della iniziativa sindacale, come si legge nella missiva, ci sono il futuro incerto per l’esercizio della centrale ed il mantenimento dei posti di lavoro, le mancate relazioni industriali, la mancata erogazione del premio di partecipazione 2017, forti ritardi sui pagamenti degli stipendi correnti, l’accumulo di un pesante debito verso il fondo di previdenza complementare, la mancata erogazione dei buoni pasto. I sindacati chiedono al Prefetto di Crotone, fernando Giuda, di convocare le parti per l’espletamento della procedura conciliativa.

L’articolo Centrale biomasse di Cutro, i sindacati proclamano stato di agitazione proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *