Pubblicato il

Bankitalia: pandemia e stagnazione soffocano la Calabria

CATANZARO – L’emergenza sanitaria ha inferto un ulteriore colpo all’economia calabrese il cui Pil – che in termini reali risultava in fase pre-covid ancora inferiore di 14 punti percentuali rispetto ai livelli del 2007 ...

CATANZARO – L’emergenza sanitaria ha inferto un ulteriore colpo all’economia calabrese il cui Pil – che in termini reali risultava in fase pre-covid ancora inferiore di 14 punti percentuali rispetto ai livelli del 2007 – si appresta a subire, per l’anno in corso, un’ulteriore caduta. E’ quanto emerge dal rapporto annuale della filiale regionale della Banca d’Italia presentato a Catanzaro, in videoconferenza, dal direttore Sergio Magarelli e dai componenti del Nucleo di ricerca dell’istituto, coordinati da Giuseppe Albanese, Antonio Covelli e Graziella Mendicino. “La velocità di ripartenza – hanno spiegato – dipenderà in parte dalla durata dell’epidemia e dall’efficacia delle misure di contrasto dell’emergenza. Tuttavia, come accaduto anche dopo le crisi del periodo 2008-2014, vi potrebbero influire negativamente i fattori strutturali che caratterizzano l’economia regionale e ne condizionano soprattutto la produttività e i livelli di investimento. Al momento prevale l’incertezza”.

LAVORO

Per le aziende si prevede “una diminuzione del fatturato molto significativa nel primo semestre in ciò riflettendo il forte calo della domanda interna. A pagare di più in questa fase è il settore dei servizi privati: trasporti, commercio al dettaglio non alimentare, comparto alberghiero e della ristorazione che negli ultimi anni aveva sostenuto in misura significativa le dinamiche occupazionali, anche attraverso la creazione di nuove imprese. Pesante è la ricaduta negativa sull’occupazione. “I dati sulle comunicazioni obbligatorie – si legge nel rapporto – evidenziano una significativa riduzione del numero di posizioni lavorative dipendenti tra marzo e maggio, che è per gran parte imputabile al terziario. Anche in connessione al blocco dei licenziamenti e al sostegno assicurato dalla Cassa integrazione guadagni, tale calo si è concentrato essenzialmente nella componente a tempo determinato che, in Calabria, ha un’incidenza maggiore rispetto al resto del Paese ed è cresciuta nell’ultimo decennio. Per tale motivo, la crisi pandemica ha interessato particolarmente chi è entrato da poco nel mercato del lavoro, come le generazioni più giovani”.

CREDITO

In materia di credito “nel primo trimestre del 2020 i prestiti al settore privato non finanziario hanno leggermente rallentato, riflettendo l’andamento del credito alle famiglie, che aveva trainato la dinamica dei finanziamenti negli anni precedenti. Alle famiglie è anche ascrivibile l’accelerazione nella crescita dei depositi bancari, avvenuta in particolare a marzo, quando si è intensificato il clima di incertezza in merito all’evoluzione della pandemia”. “La Calabria – ha detto il presidente di Bankitalia Calabria, Magarelli – ha già pagato un prezzo altissimo. La crisi che ha investito la nostra realtà non va comunque sprecata. Anche perché nulla tornerà come prima”.

L’articolo Bankitalia: pandemia e stagnazione soffocano la Calabria proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *