Pubblicato il

Commessa Roma Capitale, per i lavoratori crotonesi porte chiuse al Campidoglio

Non ha avuto risultati il sit in svolto davanti al Comune di Roma da una delegazione dei 107 dipendenti della Abramo Customer care per la commessa Roma Capitale che dal 1° ottobre dovranno passare alla aCapo, cooperativa del Consorzio Leonardo ...

Non ha avuto risultati il sit in svolto davanti al Comune di Roma da una delegazione dei 107 dipendenti della Abramo Customer care per la commessa Roma Capitale che dal 1° ottobre dovranno passare alla aCapo, cooperativa del Consorzio Leonardo Servizi, che si è aggiudicato l’appalto. La protesta riguardava il mantenimento delle retribuzioni che di dipendenti vedranno ridursi con il passaggio da un gestore all’altro: infatti, mentre alla Abramo Cc è applicato il contratto delle Tlc che riconosce una serie di diritti come maternità e scatti di anzianità, con la aCapo i dipendenti verranno assunti con il contratto delle cooperative. La perdita salariale arriva in un terzo dei casi a 400 euro e vengono azzerati tutti gli scatti di anzianità (leggi articolo su il Crotonese di martedì 29 settembre).

Al Comune di Roma non hanno voluto sentire ragioni dai lavoratori e dai sindacalisti che avevano chiesto un mese di proroga prima di avviare il servizio con il nuovo gestore in modo da poter risolvere la faccenda. Invece,nulla. La cooperativa aCapo che ha preso impegno di assumere i lavoratori provenienti dalla Abramo Cc ed ha fittato la sede della stessa azienda a Crotone, inizierà l’attività dello 060606 dal 1° ottobre con i 40 dipendenti che hanno già accettato di sottoscrivere il nuovo contratto. Si tratta degli impiegati assunti da poco alla Abramo che avranno comunque una perdita salariale di circa 30 euro. Il servizio svolto dalla Abramo Cc era garantito da 150 operatori. come farà aCapo a svolgerlo con solo un terzo di impiegati? Per gli altri 77, invece, si profila il mantenimento del posto di lavoro alla Abramo Cc che per questo periodo utilizzerà il fondo integrativo salariale previsto per il periodo covid. IL problema sarà capire cosa accadrà quando l’emergenza Covid finirà e l’azienda calabrese potrà licenziare.

La verità sulla vicenda è probabilmente contenuta nella frase sullo striscione portato dai lavoratori crotonesi al sit in romano: “Il Campidoglio risparmia, aCapo guadagna, il lavoratore non magna”. Una frase che spiega bene come Ministero del lavoro, Comune di Roma, Consip hanno permesso di fare business sulle spalle dei lavoratori creando un precedente pericoloso per tutto il sistema.

La conferma arriva anche dai sindacati: “La procedura di cambio d’appalto della commessa Roma Capitale gestita da Abramo CC su Crotone – ha detto Francesco Canino di Fistel Cisl – possiamo catalogarla senza possibilità di smentita, come l’ennesima vergogna nazionale, che mette a nudo l’incapacità delle istituzioni di far rispettare le proprie leggi e con quelle la dignità dei lavoratori. Dopo essere stati liquidati dai novelli Ponzio Pilato del Ministero del Lavoro lo scorso 25 settembre, questa mattina lo stesso trattamento ci è stato riservato dei responsabili del Campidoglio che gestiscono il servizio 060606, che hanno ammesso di non avere nessun potere nei confronti del nuovo appaltatore del servizio. Qualcuno a questo punto dovrebbe spiegarci come farà la Cooperativa aCapo a gestire il servizio di Roma Capitale dal prossimo 1 ottobre, con soli 40 operatori, quando prima ne erano impiegati 150. Una cosa è certa, le conseguenze di questo scellerato epilogo, impatteranno in maniera dirompente sull’intero settore dei contac center in out sourcing con conseguenze al momento inimmaginabili. Adesso la partita per salvaguardare i posti di lavoro si sposta all’interno dell’azienda Abramo che ieri ha presentato alle Organizzazioni Sindacali il nuovo piano industriale, la cui realizzazione passerà anche attraverso la capacità di sostenere gli attuali livelli occupazionali”.

L’articolo Commessa Roma Capitale, per i lavoratori crotonesi porte chiuse al Campidoglio proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *