Pubblicato il

Aeroporto Crotone, fallimento società Sant’Anna: assoluzione per tutti gli amministratori

CROTONE – Il Tribunale dei Crotone ha assolto dall’accusa di bancarotta tutti gli imputati al processo per il fallimento della società aeroportuale Sant’Anna spa che ha gestito lo scalo fino al 2015: Cesare Spanò e ...

CROTONE – Il Tribunale dei Crotone ha assolto dall’accusa di bancarotta tutti gli imputati al processo per il fallimento della società aeroportuale Sant’Anna spa che ha gestito lo scalo fino al 2015: Cesare Spanò e Gianluca Bruno (ex presidente ed ex vicepresidente del cda) i consiglieri Giovanni Mazzei, Peppino Vallone (ex sindaco di Crotone), Salvatore Migale (ex sindaco di Cutro), Leonardo Sacco (ex governatore della Misericordia), ed Antonella Stasi (ex presidente facente funzioni della Regione). Assolto anche l’ex presidente Roberto Salerno per il quale il reato si era prescritto.

Il giudice Elvezia Cordasco ha accolto la richiesta del pubblico ministero che aveva chiesto l’assoluzione degli imputati anche sulla base delle indagini difensive indirizzate a dimostrare come tutti gli amministratori che si sono succeduti alla guida della Sant’Anna Spa avessero operato per cercare di evitare il fallimento. In particolare i difensori avevano ribadito che gli amministratori presentarono una domanda di concordato a giugno del 2014 anche se l’accusa sosteneva che avrebbero dovuto farlo prima, ovvero nel 2013, quando nelle casse della società arrivarono un milione dall’aumento di capitale e tre milioni dalla Regione ed il Ministero destinó allo scalo gli oneri di servizio allo scalo. Nel corso delle udienze è stato anche evidenziato che l’aeroporto continuò a funzionare anche dopo il fallimento per volere del Tribunale proprio grazie alle risorse procurate dagli amministratori.

“Dopo oltre due anni di processo – ha detto l’avvocato Francesco Verri che con Francesco Laratta, Vincenzo Cardone e Giovanni Sipoli ha difeso Cesare Spanò, Antonella Stasi, Gianluca Bruno, Leonardo Sacco e Peppino Vallone – decine di deposizioni, interrogatori e consulenze, il Tribunale oggi ha accolto la nostra tesi. Nessuno degli amministratori ‘tirò a campare’. Non vi fu aggravamento del dissesto. Non vi fu alcun ritardo nell’assumere decisioni. E anche se il concordato fallimentare non fu omologato, il lavoro dei manager e il protocollo d’intesa con i Comuni costieri portarono nelle casse della società ormai fallita 6 milioni di euro investiti dal Tribunale nell’esercizio provvisorio dello scalo. Inutile dire, d’altra parte, che gli amministratori non erano ovviamente accusati di altro (distrazione di risorse o falsificazioni contabili). Siamo tutti molto soddisfatti perché gli enormi sforzi e i sacrifici di sindaci e imprenditori non meritavano neanche che iniziasse il processo”.

L’articolo Aeroporto Crotone, fallimento società Sant’Anna: assoluzione per tutti gli amministratori proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *