Pubblicato il

Lei positiva ma l’Asp dopo 6 giorni non fa il test al marito. Tracciamenti in tilt e a Cutro esplodono i contagi

CUTRO – Da due casi positivi a 103 nel giro di 13 giorni. Accade a Cutro dove la diffusione del virus è totalmente fuori controllo. Giorno 16 marzo Cutro era una città praticamente covid free, il 29 marzo deve fare i conti con ...

CUTRO – Da due casi positivi a 103 nel giro di 13 giorni. Accade a Cutro dove la diffusione del virus è totalmente fuori controllo. Giorno 16 marzo Cutro era una città praticamente covid free, il 29 marzo deve fare i conti con una escalation incredibile di contagi. Le cause sono da ricercare nel mancato tracciamento dei contatti diretti e nella spregiudicatezza di alcuni comportamenti che permettono la diffusione del virus.

A confermarlo anche la storia di una coppia: lei positiva da sei giorni, lui forse. Usiamo la formula dubitativa in quanto ancora l’uomo non è stato sottoposto a tampone. La positività della donna è stata riscontrata il 24 marzo scorso dopo un tampone molecolare eseguito dall’Asp di Crotone. I contatti diretti della signora, però, stranamente non sono stati tracciati. Dal 24 marzo ad oggi 30 marzo il marito non è mai stato sottoposto al tampone. Per cui non sa se è positivo o meno. Anche per questo nei suoi confronti non esiste alcuna ordinanza di quarantena obbligatoria da parte del comune. In pratica, il signore che vive al momento nella stessa casa di una persona contagiata dal virus, potrebbe stare nella sua attività commerciale o andarsene in giro per Cutro senza alcun problema.

L’uomo racconta di aver mandato già due mail all’Asp per chiedere di essere sottoposto a tampone in quanto contatto diretto di una persona contagiata, ha chiamato il suo medico curante per chiedere di intervenire presso l’Asp, ma dall’azienda sanitaria non ha avuto alcuna risposta. E domani saranno sette i giorni di attesa del tampone. Per fortuna il nostro interlocutore sta rispettando una diligente quarantena volontaria, ma quanti sono i casi come questi a Cutro e dintorni? E quanti in effetti non avendo ricevuto ordinanza di quarantena continuano ad andarsene in giro senza problemi?

Non si spiega diversamente l’esplosione dei contagi in pochi giorni nella città degli scacchi dove anche i controlli sono piuttosto deboli. Le mancate verifiche sui contatti diretti, infatti, possono indurre le persone a credere di essere perfettamente sani e, senza alcuna disposizione da parte delle autorità, permettere loro di andarsene in giro spargendo il virus.

PS: se l’Asp vuole sapere chi sono le persone che ci hanno raccontato la storia può contattarci.

L’articolo Lei positiva ma l’Asp dopo 6 giorni non fa il test al marito. Tracciamenti in tilt e a Cutro esplodono i contagi proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *