Pubblicato il

Consiglio comunale ‘sconvocato’: l’opposizione si appella al Prefetto

CROTONE – I consiglieri comunali di minoranza hanno chiesto l’intervento del Prefetto di Crotone affinché siano “ripristinate regole e prerogative” in seno all’assise civica. Non è andato giù ...

CROTONE – I consiglieri comunali di minoranza hanno chiesto l’intervento del Prefetto di Crotone affinché siano “ripristinate regole e prerogative” in seno all’assise civica. Non è andato giù all’opposizione il modo in cui il presidente del Consiglio comunale Giovanni Greco ha improvvisamente sconvocato la seduta dell’assise che era stata già fissata per il 31 marzo scorso. Una decisione “arbitraria, strumentale ed offensiva, lesiva delle prerogative del Consiglio comunale”, affermano in un documento Marisa Luana Cavallo (Lega), Andrea Devona (Democratici Progressisti), Andrea Tesoriere (Fratelli d’Italia) Antonio Manica (Forza Italia), Danilo Arcuri (Crotone Città di tutti), Enrico Pedace (Consenso), Fabrizio Meo (Città Libera), Giuseppe Fiorino Crotone normale), Mario Megna (gruppo Misto). E questo perché la sconvocazione è stata decisa “in assenza di qualsivoglia tipo di consultazione e senza nessun preavviso” con “giustificazioni che si commentano da sole”: l’emergenza Covid e la non urgenza dei punti all’ordine del giorno.

Per quanto riguarda l’emergenza covid i consiglieri rammentano che la seduta si sarebbe potuta tenere in videoconferenza, come già avvenuto in precedenza per svariate volte. Per non parlare di “una riunione ‘riservata’, tenutasi giorno 30 marzo all’interno della Casa comunale che avrebbe visto partecipare Sindaco, capi gruppo di maggioranza ed alcuni presidenti di commissione”. In merito all’urgenza dei punti all’ordine del giorno nel documento si rileva che il presidente del Consiglio comunale Giovanni Greco non può “arrogarsi il diritto di qualificare a suo piacimento una seduta consiliare indifferibile o meno”.

Per i consiglieri di opposizione “si tratta solo dell’ultimo episodio in ordine di tempo di una variegata serie di abusi e di violazione di norme che si sono perpetrati in danno delle prerogative e competenze dei consiglieri comunali” e che si sono “accumulate in appena cinque mesi di amministrazione”. Da qui la richiesta di “un pronto interessamento di sua eccellenza il Prefetto affinché venga garantita la corretta dialettica democratica e siano ripristinate, soprattutto in un momento così grave, regole e prerogative che sono un patrimonio di civiltà che non possono essere cancellate da un populismo gridato ed irresponsabile”.

L’articolo Consiglio comunale ‘sconvocato’: l’opposizione si appella al Prefetto proviene da Il Crotonese.

___asset_placeholder_0___ ___asset_placeholder_1___

___asset_placeholder_2___

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *